Sistema informativo "Immigrati e nuovi cittadini"

Da schedefontidati.istat.it.


Immigrati e nuovi cittadini

Accesso al sistema informativo: http://www.istat.it/it/immigrati/

Obiettivi del sistema informativo e quadro di riferimento

Da molti anni l’Istat raccoglie e diffonde informazioni statistiche sulle migrazioni internazionali e gli immigrati che vivono nel nostro Paese. Negli anni le dinamiche migratorie sono divenute più complesse e la presenza straniera si è stabilizzata sul nostro territorio. La statistica ufficiale ha dovuto così fare fronte a esigenze informative crescenti e diversificate, coprendo dimensioni tematiche nuove (come l’utilizzo dei servizi, la partecipazione sociale degli stranieri, l’accesso alla cittadinanza italiana, etc.) e nuovi specifici target di popolazione, come quello delle seconde generazioni. Nel tempo le informazioni prodotte si sono arricchite qualitativamente e quantitativamente. I numerosi dati offerti provengono da molteplici fonti, sia campionarie sia di tipo amministrativo. Dagli aspetti emergenziali e dalle tematiche specifiche, come il lavoro, la salute e l'alloggio, sempre più si è passati a un quadro di insieme sull’integrazione dei cittadini stranieri, attraverso l’integrazione delle fonti e dei dati disponibili. La realizzazione di un sistema informativo tematico dedicato a “Immigrati e nuovi cittadini” ha consentito l’integrazione degli sforzi di adeguamento alle esigenze informative emergenti compiuti negli anni passati dai diversi settori di produzione. Il sistema si propone infatti come singolo punto di accesso multifonte a dati e metadati sul fenomeno. Il corpo centrale del sistema è costituito da un data warehouse tematico che raccoglie e sistematizza in un unico contesto semantico le statistiche sul tema con la finalità di renderle più facilmente accessibili e fruibili per tutte le diverse tipologie di utenti interessati (ricercatori, policy makers, giornalisti, cittadini , etc.). Si offre in questo modo un’informazione articolata su varie dimensioni e visualizzabile attraverso diversi strumenti sulla presenza straniera in Italia. Il sistema è stato pubblicato on-line a giugno 2013

Contenuti

Il cuore del sito "Immigrati e nuovi cittadini" è un data warehouse tematico articolato in otto aree tematiche che contengono e integrano informazioni tratte da diverse rilevazioni ed elaborazioni realizzate dall’Istituto: popolazione e famiglie, salute e sanità; lavoro; istruzione e formazione, condizioni economiche delle famiglie e disuguaglianze, assistenza, partecipazione sociale e criminalità. Per ogni area vengono diffusi i dati su i principali eventi e le caratteristiche della popolazione oggetto di interesse. Il sistema si basa sulla tecnologia del data warehouse dell’Oecd (OECD.Stat), la stessa piattaforma adottata dall’Istat per il corporate data warehouse I.Stat. I dati sono presentati in tavole multidimensionali che offrono la possibilità di comporre tabelle agendo sulle variabili, i periodi di riferimento e la disposizione di testate e fiancate. Un ampio apparato di metadati agevola il reperimento e la comprensione delle statistiche da parte degli utenti. L’informazione statistica è corredata da diverse sezioni dedicate ai metadati e in particolare alle descrizione delle principali fonti e ai termini utilizzati all’interno del sistema informativo tematico. I riferimenti normativi italiani ed europei insieme ai principali documenti di indirizzo politico con ricadute evidenti sulla produzione statistica nazionale e internazionale offrono agli utenti un quadro di riferimento imprescindibile per la comprensione del fenomeno. Il sistema informativo "Immigrati e nuovi cittadini", che garantisce una base di partenza per un maggiore e più ampia integrazione dei dati statistici e delle altre informazioni appena ricordate, si pone anche come punto di raccordo tra altri enti che raccolgono e diffondono informazioni sul fenomeno e gli utenti. Un’ampia sezione del sistema è dedicata ai progetti che l’Istituto sta portando avanti insieme ad alcuni importanti soggetti del Sistan (in primis il Ministero dell’interno) su temi emergenti o di particolare complessità (come ad esempio l’integrazione scolastica delle seconde generazioni e l’utilizzo di indicatori di integrazione a fini di programmazione politica). Da una parte è sicuramente necessario sviluppare sinergie nella fase di raccolta, elaborazione e analisi del dato; dall’altra è però essenziale la condivisione tempestiva dei dati da diffondere. A questo secondo obiettivo punta la sezione del sistema dedicata al Data sharing, all’interno della quale sono stati messi a disposizione degli utenti “widget” per la condivisione di tavole e grafici. Questo tipo di condivisione, familiare ai fruitori dei diversi social network, consente di incorporare contenuti all'interno di documenti esterni al sito dell’Istat con un semplice copia/incolla di stringhe di testo. Il vantaggio è che non viene effettuata una copia dei contenuti che vengono invece sempre aggiornati attraverso un dialogo “machine to machine”. Ciò consente l’aggiornamento immediato sulle pagine esterne dei dati e dei grafici non appena vengono modificati sul sito dell’Istat. Attualmente le funzionalità di questa sezione sono state condivise con il Ministero dell’Interno nell’ambito di un progetto finanziato dal FEI (Fondo Europeo per l’Integrazione) e con l’Organizzazione mondiale per le migrazioni (OIM) che ha esposto sul suo sito utilizzando i widget messi a disposizione i dati prodotti dall’Istat (http://www.italy.iom.int/index.php?option=com_content&task=view&id=225&Itemid=26). Anche la diffusione delle informazioni statistiche da parte dell’Istat è stata sistematizzata all’interno delle dimensioni tematiche considerate accostando le diverse fonti e le differenti modalità di diffusione. Una parte del sistema è dedicata all’accesso a informazioni prodotte da Eurostat sulle migrazioni internazionali e sulla presenza straniera nei paesi europei.

Output informativo

Le diverse dimensioni tematiche in cui è articolato il data warehouse contengono indicatori relativi a numerosi aspetti della vita degli stranieri nel nostro Paese. L’area “Popolazione e famiglie” è particolarmente ricca e si articola in sotto-dimensioni: caratteristiche socio-demografiche (previsioni, bilancio demografico, popolazione residente, permessi di soggiorno, etc.), dinamiche migratorie (ingressi dall’estero), famiglie e minori (Indicatori di fecondità, nati, matrimoni, separazioni, etc.), asilo e protezione internazionale. La dimensione “Istruzione e formazione” contiene dati relativi agli studenti stranieri per i vari ordini di scuola. La dimensione “Lavoro” fornisce indicatori sull’occupazione, la disoccupazione e le forze di lavoro. Nella sezione “Assistenza” si possono trovare dati relativi alla spesa per immigrati e nomadi sostenuta per interventi e servizi sociali. Le altre sezioni sono attualmente in fase di popolamento. Al momento nella sezione “Condizioni economiche delle famiglie” sono stati esposti i dati relativi alla spesa per l’abitazione delle famiglie con componenti stranieri. La parte su "Salute e sanità" permette attualmente l’accesso a dati sugli aborti spontanei, ma è previsto, nel tempo, un arricchimento della sezione. Quella sulla "Criminalità" contiene dati su autori e vittime di reati e sui detenuti. Oltre al data wartehouse tematico, il sistema offre una serie di strumenti avanzati per la visualizzazione personalizzata e integrata delle informazioni. Nell’home page viene proposta una selezione di grafici per offrire un colpo d’occhio all’utente su alcune caratteristiche e alcuni fenomeni di rilievo riguardanti la presenza straniera nel nostro Paese (popolazione residente, principali cittadinanze, matrimoni, acquisizioni di cittadinanza, etc.). Una sezione di grafici dinamici consente di osservare l’evoluzione dei fenomeni di interesse confrontando le diverse collettività e i diversi territori. Le piramidi delle età dinamiche permettono agli utenti di comparare per diversi anni e diversi territori la struttura per età della popolazione italiana con quella straniera. Un approfondimento specifico è stato dedicato ai dati territoriali. La visualizzazione delle informazioni attraverso mappe permette di considerare, in maniera interattiva, la distribuzione territoriale della popolazione straniera (sia sulla base dei dati relativi ai permessi di soggiorno, sia sulla base dei dati relativi alla popolazione residente) e le direttrici dei principali flussi migratori interni e internazionali. In questo modo è stato possibile visualizzare anche i flussi migratori tra le diverse province evidenziando le principali direttrici degli spostamenti interni per le collettività più numerose. Infine una tavola multifonte permette all’utente di visualizzare, in maniera interattiva, una selezione di indicatori (tasso di fecondità, nati, matrimoni, istruzione, etc.) per immediati confronti tra italiani e stranieri. Un’altra tavola dinamica è dedicata, invece al confronto di una selezione di indicatori riferiti alle differenti cittadinanze (popolazione, nati, matrimoni, etc.).

Prospettive

Il sistema deve essere considerato non solo come un contenitore dinamico destinato nel tempo ad arricchirsi di contenuti, ma anche ad aprirsi sempre di più verso l’esterno per una piena, tempestiva e personalizzata condivisione delle informazioni. Queste caratteristiche sono di particolare rilievo per uno strumento che vuole porsi come punto di riferimento per le statistiche su una componente strutturale della nostra società in continuo e rapido mutamento. In particolare, si proseguirà nel popolamento delle aree tematiche del data warehouse, ma anche su altri aspetti come quello del data sharing anche in collaborazione con altri enti. Il sistema informativo "Immigrati e nuovi cittadini" è, infatti, al centro dell’attenzione nell’ambito di progetti sviluppati con altre istituzioni che porteranno anche ad approfondimenti di tipo territoriale e prevedono l’ampliamento delle fonti interessate per una sempre più immediata fruizione dell’informazione statistica sulla presenza straniera in Italia e sui flussi migratori.

Scheda redatta da

Cinzia Conti ciconti@istat.it